preistorico ai Balzi Rossi

Museo Preistorico di Ventimiglia, sabato 19 maggio tre eventi da non perdere

Appuntamento da non perdere sabato prossimo, 19 maggio 2018, a Ventimiglia.

Nella giornata in cui si celebra la Festa dei Musei organizzata dal MIBACT, il locale Museo Preistorico dei Balzi Rossi (via dei Balzi Rossi 9/11) allestirà un programma particolare che andrà avanti dalle 10 del mattino sino alle 22.30, orario di apertura eccezionale della struttura museale anche per aderire alla “Notte Europea dei Musei

In particolare al mattino verrà celebrato l’eccezionale ritrovamento dei reperti catalogati come scheletro di un giovane elefante vissuto circa 50mila anni fa nella zona dei Balzi Rossi, mentre il pomeriggio aprirà un focus sulla cultura del cibo nella Preistoria, anche con degustazioni gratuite, e nella serata ci sarà spazio per visite guidate al museo con partenza ogni 45 minuti dalle 19.30 fino alle 21.45.

Scendendo più nel dettaglio, sarà molto interessante (ri)scoprire la vita dell’elefante preistorico ai Balzi Rossi. Così al Museo dalle 10 alle 12 il grande protagonista sarà lui, illustrato direttamente dai ricercatori che hanno seguito gli scavi e hanno esaminato le ossa ritrovate già alla fine del diciannovesimo secolo nelle celebri grotte.

Si parlerà del ritrovamento e del tipo di animale in questione, ma anche di tutto al lavoro che c’è dietro al restauro dei reperti, la loro conservazione fino al recente allestimento in una sala espressamente dedicata nel Museo.

A fine mattinata verrà anche presentato il concorso “Come mi chiamo?”, destinato alle scuole e ai piccoli visitatori del Museo per trovare un nome al giovane elefante, la cui premiazione è prevista il 30 giugno in occasione di un concerto-evento del SUQ di Genova.

Il pomeriggio al Museo invece sarà dedicato al cibo nella Preistoria. In programma dalle 15 un video divulgativo realizzato dagli studenti del “Corso di Design del Prodotto e dell’Evento” dell’Università di Genova che consentirà al pubblico di capire quali alimenti erano utilizzati dall’uomo della Preistoria.

Dalle 15.30 poi una esposizione di piante commestibili presenti già nella Preistoria, illustrate da una serie di pannelli per approfondire la conoscenza di alcuni cibi utilizzati dall’uomo preistorico.

E ancora, grazie alla collaborazione del Centro di Archeologia Sperimentale di Torino, l’esperimento dell’accensione del fuoco e della scheggiatura della selce con tecniche preistoriche. A chiudere la sessione anche un “Aperipreistorico”, cioè un aperitivo speciale a base di cibi dell’epoca.

Infine dalle 19.30 alle 22.30 il Museo sarà aperto con ingresso simbolico a 1 euro in occasione della “Notte Europea dei Musei” e il pubblico potrà approfittare delle visite guidate. Info: 0184/38113.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *